Protagonista del design, perfetto anche per la sua praticità, il gres porcellanato smaltato è sempre più scelto.

Il gres porcellanato smaltato è il frutto di un evoluzione tecnica, in cui le caratteristiche di un materiale vanno a “sposare” finiture e design di stile. Nato come materiale tecnico per le sue ottime caratteristiche di resistenza superficiale e agli attacchi chimici (date dai materiali usati e dalla cottura che raggiunge i 1300° C), a partire dagli anni 90, il gres tecnico o porcellanato ha subito una profonda rivoluzione. La smaltatura della superficie e la seguente decorazione hanno portato a creare tantissime versioni e finiture di questo prodotto, rendendolo perfetto per ogni uso. Decori ad alto impatto estetico che hanno trasformato un prodotto industriale in una scelta di design.

Ti interessa sapere cosa sia un pavimento lappato?
Leggi il nostro articolo!

Cosa vuol dire gres porcellanato smaltato?

Protagonista di di molti pavimenti, il gres porcellanato smaltato è un prodotto presente sul mercato da quasi trent’anni. Un periodo di tempo in cui il gres smaltato si è evoluto, assumendo grafiche e colori di pietre ed effetti naturali.

Oggi un pavimento in gres porcellanato smaltato può assumere la trama e il colore di un legno, una pietra, un marmo, un cemento e molto altro.

Repliche fedeli di quanto prodotto dalla natura, grazie anche alle finiture superficiali come la lappatura, l’effetto legno e la satinatura.

Un prodotto che “nasconde” sotto una superficie splendida, una base tecnologica e di valore.

Il gres porcellanato è infatti una combinazione di argille, caolini e feldspati che danno resistenza al supporto. Questo supporto viene poi smaltato per divenire una base simile a una “tela pittorica” pronta per essere decorata tramite stampanti digitali industriali ceramiche.

Ciò che si ottiene è quindi un prodotto bello esteticamente e tecnicamente, dotato di caratteristiche premium (come le finiture) e adatto a qualsiasi collocazione.

gres smaltato pro e contro topstock occasioni ceramiche

Gres smaltato: pro e contro?

Disponibile in molte finiture, è sempre scelto sia per le pavimentazioni civili, sia per quelle commerciali. Ma quali sono i pro e i contro del gres porcellanato smaltato?

Tra le prime non possiamo fare a meno di citare la resistenza di questo supporto. Il gres porcellanato smaltato è un materiale altamente resistente al calpestio e agli attacchi chimici, molto difficile da scheggiare e da macchiare.

La varietà di proposte del gres porcellanato, sia in termini di stili, di finiture e di dimensioni, lo rende poi adatto a qualsiasi collocazione, senza la necessità di particolari accortezze o limitazioni che avrebbe il materiale originale a cui il gres smaltato si ispira (ad esempio il legno).

Anche dal punto di vista della manutenzione quotidiana, il gres porcellanato smaltato è un prodotto semplice da gestire, facile da usare e perfetto per la quotidianità. Non eccessivamente delicato, si pulisce al meglio con un panno e acqua tiepida.

Ulteriore pro del gres porcellanato smaltato è quello del costo, che è notevolmente inferiore rispetto ai prodotti a cui questa tipologia di piastrella si ispira.

Tra i contro possiamo solo segnalare dati non eclatanti dal punto di vista della conducibilità termica e dell’isolamento acustico. Due caratteristiche che non sono sicuramente tra le prime ricercate in un pavimento e che possono venire bilanciate e rafforzate da buone scelte in fase d’installazione.

Clicca qui per scoprire i nostri pavimenti smaltati

Come si pulisce il gres porcellanato smaltato? Un esame sulla praticità

Installare un pavimento in gres porcellanato smaltato significa montare un prodotto che ci farà compagnia per anni. Per goderselo al meglio, oltre che bello e resistente, deve essere anche semplice da pulire. Il gres porcellanato smaltato è ottimo anche sotto questo aspetto, visto che è sufficiente un detergente (meglio se specifico per gres), dell’acqua calda e un panno per lavare il pavimento.

Per una pulizia ottimale sarà sufficiente un doppio passaggio. Un primo con il panno e acqua calda per ammorbidire lo sporco e un secondo con il prodotto specifico per rimuoverlo e rendere splendido il pavimento. Facile ed efficace, per un pavimento da apprezzare ogni giorno.

Pavimento smaltato: come si produce?

Il gres smaltato è il frutto della ricerca industriale italiana. Siamo infatti a metà degli anni 90, quando nel distretto ceramico di Sassuolo alcune aziende iniziano a fare degli studi chimici allo scopo di andare a “coprire” un prodotto tecnicamente eccellente come il gres e renderlo bello esteticamente.

L’ottima base di partenza è infatti il gres tecnico, un prodotto di indubbio valore, ma di poco appeal estetico. A questo supporto viene applicata la smaltatura, ossia la “posa” di un leggerissimo strato vetroso che serve a dare ulteriore resistenza al supporto, rendendolo anche più resistente all’assorbimento dell’acqua (vetrificandolo, appunto) e creando una perfetta “tela” su cui lavorare.

Il processo di smaltatura crea infatti un prodotto di colore omogeneo, che verrà poi decorato con delle grafiche applicate con sistemi di stampa digitale, che permettono la realizzazione di repliche dei materiali naturali più apprezzati.

La smaltatura diventa quindi una base che permette di creare svariate finiture estetiche e di superficie.

gres porcellanato smaltato come si pulisce topstock occasioni ceramiche

Le altre finiture simili al gres smaltato

Lappatura

Questo tipo di finitura superficiale interviene sulla superficie della piastrella rendendola perfettamente liscia e lucida. Si tratta di un trattamento realizzato su scala industriale sulla piastrella finita, che dà morbidezza alla stessa e al suo aspetto, creando un prodotto molto apprezzato dal mercato e dai consumatori.

Le piastrelle lappate sono molto belle e raffinate esteticamente, visto che ricalcano ad esempio i marmi più famosi, senza le stesse problematiche date dalla delicatezza del materiale naturale e i relativi costi.

Vuoi sapere di più sui pavimenti effetto marmo? Leggi il nostro articolo a riguardo!

 

Rettifica

Altro effetto estetico, ma anche applicativo, molto in voga, è quello della rettifica. Come si evince dal nome, la rettificatura del gres porcellanato smaltato consiste in una squadratura perfetta a 90° di tutti i bordi e gli angoli della piastrella.

Questa lavorazione permette di realizzare piastrelle dai bordi perfetti, per una finitura che consente la posa con una fuga minima o addirittura a contatto senza alcun tipo di intermezzo. Questo rende il gres porcellanato rettificato perfetto per applicazioni di design.

 

Smaltatura Digitale

Altro effetto decorativo, il più recente tra le varie applicazioni, è quello della decorazione tramite stampante digitale. In questo specifico caso applicativo, il supporto in gres smaltato viene considerato alla stregua di un foglio di carta, superficie su cui verrà impressa con colori ceramici una grafica che possono andare a replicare in maniera fedele, se non addirittura migliorativa, materiali naturali come legni, pietre, marmi o creazioni dell’uomo come cementi e metalli.

Conclusioni

Le caratteristiche tecniche ed estetiche del pavimento in gres porcellanato smaltato lo hanno reso in pochi anni il vero protagonista del mercato ceramico. Oggi, sfogliando qualsiasi catalogo di industrie ceramiche o di arredo e design possiamo infatti apprezzare che la quasi totalità delle realizzazioni è eseguita con questo materiale.

Un ampio ventaglio di scelta che viene accuratamente selezionato da TopStock, che propone tramite la vendita in stock le occasioni ceramiche dei migliori brand sul mercato, per un rapporto qualità/prezzo di indubbio valore.

Contatta il nostro servizio clienti per avere una consulenza gratuita e rispondere a tutte le tue eventuali domande!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *